Violetter Balken

Blog Archives

Ospiti dai principi arcivescovi – Saloni di gala della Residenza

Ospiti dal principe arcivescovo

Nel corso dei secoli, la residenza è servita ai principi arcivescovi come magnifica sede di governo e residenza, ed è stata il centro del loro potere temporale. Già in epoca barocca era uno dei luoghi più rappresentativi nel territorio di lingua tedesca. Oggi la Residenza nel cuore della città vecchia è uno dei luoghi più suggestivi di Salisburgo.

I saloni di gala della Residenza sono tra i luoghi centrali della storia di Salisburgo e raccontano in modo eloquente la grande importanza politica e culturale dell’antica città di residenza dell’arcivescovo principe. Riflettono oltre 200 anni di storia del dominio e dello stile, dal Rinascimento al Barocco e al Classicismo.

Il tour del DomQuartier si snoda attraverso stanze sontuosamente arredate che testimoniano l’inclinazione dei governanti dell’epoca a mettere in scena le produzioni. Erano luoghi di rappresentanza e di una vivace vita politica e culturale. Come un tempo gli inviati di principi stranieri, statisti e funzionari di corte si recavano all’udienza con il principe arcivescovo, così ancora oggi si cammina tra gli appartamenti, dalla Sala dei Carabinieri di quasi 600 metri quadrati attraverso la Sala dei Cavalieri, la Stanza delle Conferenze e l‘Anticamera fino al magnifico punto culminante, la Sala delle Udienze. L’annessa area privata dei principi arcivescovi era costituita dallo Studio, lo Stanzino della cassa privata, la camera da letto con l’altare privato, dalla Bella Galleria, dalla Sala del Trono e dalla Sala Bianca. Tra i tesori ci sono stufe in ceramica classicista, specchi veneziani, affreschi del soffitto di Johann Michael Rottmayr e Martino Altomonte, lampadari di cristallo in vetro fumé boemo, alti stucchi barocchi a soffitto con foglia d’oro, preziosi orologi, tapezzerie e dipinti.


Museo del Duomo e Camera delle Meraviglie

Nell’oratorio meridionale del Duomo di Salisburgo – tesori d’arte dell’arcidiocesi di Salisburgo

Dal 1974 il Duomo e il Museo Diocesano si trovano nelle sale dell’oratorio meridionale del Duomo di Salisburgo, che come l’oratorio settentrionale di fronte è stato utilizzato in passato come cappella ed è dedicato a San Virgilio. Qui sono esposte opere d’arte di 1300 anni di storia della chiesa di Salisburgo.

Il cuore del Museo del Duomo di Salisburgo costituisce il tesoro del duomo. Si tratta di attrezzature e paramenti che sono stati utilizzati nella cattedrale durante gli atti liturgici: Calici, ostensori, bastoni pastorali, mitrie e mantelli del coro. Essi incarnano allo stesso modo la fede, il senso artistico e la ricchezza dei loro committenti.
I dipinti e le sculture esposti nel Museo del Duomo provengono per la maggior parte da parrocchie e monasteri dell’Arcidiocesi di Salisburgo e trasmettono un’impressione della ricchezza artistica del Paese.


Colomba di Limoges, 1225 Kupfer, placcata oro

Museo del Duomo

Tra le principali attrazioni del Museo del Duomo c’è la Croce di Rupert dell’VIII secolo, il prezioso ostensorio, i dipinti di Paul Troger, i rilievi di Georg Raffael Donner e il piccione di Limoges.
Il piccione ha avuto origine nel secondo quarto del XIII secolo a Limoges, in Francia, ed è visitabile nella cattedrale dal 1553. In origine, probabilmente, veniva utilizzato per la conservazione delle ostie. Nel XVI secolo conteneva incenso. Come il bastone dell’abate in San Pietro e altre opere da Limoges, è realizzato in rame dorato, decorato con smalto colorato e ornato con pietre turchesi e vetro.


Camera delle meraviglie

Nell’arco meridionale della cattedrale, il principe arcivescovo Guidobaldo conte di Thun e il suo successore, Massimiliano Gandolf conte di Kuenburg, nella seconda metà del XVII secolo istituirono una camera delle meraviglie, che riuniva oggetti in cristallo di rocca, avorio, corno di stambecco e pietre preziose. Dopo la fine del monastero nel 1803 la collezione fu dispersa. Il pavimento in marmo, la volta stuccata e i mobili risalgono al periodo della fondazione camera delle meraviglie principe episcopale intorno al 1668-1670.

Nel 1974 la camera delle meraviglie è stata ricostruita nel senso di un gabinetto barocco di curiosità. È uno dei pochi in Europa, i cui arredi storici sono ancora in gran parte conservati. Oggi sorprendenti oggetti d’arte, natura e tecnologia riempiono le vetrine in nero e oro.


Museo di San Pietro e Lunga Galleria

Museum St. Peter, Raum 1

Preziosi tesori d’arte dalle collezioni dell’Arciabbazia di San Pietro – 1300 anni di storia monastica

I tesori d’arte esposti nella Galleria lunga e nel Museo di San Pietro illustrano la storia del più antico monastero del territorio di lingua tedesca.

Dalla sua fondazione o restauro da parte del vescovo Rupert nel 696, San Pietro gode di una continuità ininterrotta ed è considerato il più antico monastero ancora esistente nel territorio di lingua tedesca. Come nella maggior parte delle collezioni monastiche, il tesoro medievale della chiesa è alla base delle Collezioni di San Pietro. La vita religiosa di un monastero e la celebrazione della sacra liturgia richiedeva alcuni utensili (vasa sacra) e tessuti (paramenti), che venivano conservati in sacrestia e più tardi nella tesoreria. Le importanti collezioni dell’Arciabbazia comprendono non solo il tesoro della chiesa, ma anche una collezione di dipinti, un grande patrimonio di grafiche, monete, manufatti d’arte, minerali, strumenti musicali e molto altro ancora.


Capolavori dalla collezione

Nel Museo di San Pietro, che si trova nel cosiddetto Wallistrakt dell’antica residenza del principe arcivescovo (l’ex edificio dell’arco di corte), viene presentata una selezione dei reperti più belli: ad esempio il cosiddetto pastorale di Rupert (un bastone dell’abate dell’XI/XII secolo), un misurino del XII secolo e una croce di casula particolarmente ben conservata del XV secolo. Oppure anche i pezzi da esposizione della collezione acquisita dall’abate Rupert V. Keutzl intorno al 1480: una mitra con una ricca incastonatura di pietre preziose, un pastorale altrettanto decorato artisticamente e una chiusura per il mantello liturgico.


Sala della Musica al Museo di San Pietro, Claviorganum

San Pietro e la musica

Inoltre, la sezione “San Pietro e la musica” ripercorre i fruttuosi legami dell’Arciabbazia con Michael Haydn e Wolfgang Amadé Mozart e mostra, tra l’altro, il claviorganum, riccamente decorato con intagli: uno strumento d’organo artisticamente realizzato dal possesso del principe arcivescovo Wolf Dietrich.

La storia di San Pietro

Nella terza parte della mostra permanente si racconta la storia di San Pietro, fino alla vita monastica di oggi. L’Arciabate e i membri del convento, per esempio, raccontano la vita nel monastero sotto forma di film: della loro routine quotidiana, dei loro compiti, del loro parlare a Dio.


Galleria lunga

Uno dei primi edifici a galleria a nord delle Alpi

La Galleria lunga San Pietro, lunga 70 metri e decorata con straordinari stucchi sul soffitto, è uno dei primi edifici di gallerie a nord delle Alpi.
Nell’ex pinacoteca dei principi arcivescovi, costruita tra il 1657 e il 1661 sotto il conte Guidobaldo di Thun e trasferita nell’Arciabbazia di San Pietro nel 1819, sono esposti dipinti religiosi di grande formato provenienti dalle ricche collezioni dell’Arciabbazia di San Pietro, utilizzati principalmente per la devozione religiosa e creati per le stanze del monastero.

 


DomQuartier Übersichts-Karte
Top